HOW WILL WE LIVE TOGETHER?



La mostra internazionale di Architettura avrà il titolo “How will we live together”. Dopo un anno di stop, dato dalla crisi sanitaria, i curatori dell’evento costruiscono questa edizione "Biennale 2021” focalizzandosi sulle urgenze a cui il mondo dell’architettura è chiamata a rispondere: dal cambiamento climatico, all’aumento delle disuguaglianze sociali e dagli spostamenti delle popolazioni. Durante questo anno la Biennale invita tutti a ripensare il futuro dell’architettura, guardare il mondo e la vita da un nuovo punto di vista, imposto dalla pandemia.

Dopo la pandemia l’architettura è ancora possibile? Come vivremo insieme? Una ristrutturazione profonda dei modelli sociali, la fondazione di nuove dinamiche che stimolano il mondo dell’architettura a doversi adattare in un ottica futura. Il curatore della diciassettesima mostra dell’architettura internazionale, Hashim Sarkis, pone delle domande da cui ripartire e su cui fondare l’evento. La questione è senz’altro tanto sociale e politica quanto spaziale. In un contesto di divisioni politiche, differenze economiche marcate, si chiede agli architetti di immaginare spazi in cui possiamo vivere generosamente insieme. Il titolo della mostra ha una grande valenza e tratta concetti da sempre analizzati durante la storia del mondo. Ogni generazione si è sentita costretta a porsi la domanda “come vivremo insieme?” Vivere insieme in spazi costruiti ad hoc attorno alle nuove mentalità è il ponte tra “spazio” e “sociale”. Non si tratterà più quindi solo della progettazione di edifici e di pianificazione urbana ma di interrogarsi e ridefinire i rapporti tra uomo e ambiente, di come possano e debbano coesistere le relazioni tra umani, animali e vegetali che condividono il medesimo habitat. Saranno presenti 112 partecipanti provenienti da 46 Paesi con una maggiore rappresentanza da Africa, America Latina e Asia e con uguale rappresentanza di uomini e donne. La Biennale sarà organizzata in cinque “scale” (o aree tematiche), tre allestite all’Arsenale e due al Padiglione Centrale: Among Diverse Beings, As New Households, As Emerging Communities, Across Borders e As One Planet. La Biennale aprirà le porte al pubblico da Sabato 22 Maggio fino a Domenica 21 Novembre, l’evento avrà un impatto CO2 quasi zero, reso possibile dalla integrazione dei materiali del Padiglione Italia del 2019. (Guglielmo Rossi Scota, Niccolò Corazza)


#architecture #biennale #venezia #2021 #savetheplanet #society

Web Magazine di architetture, design, società, sostenibilità, materiali, arte e bellezza.
Opinioni sul progetto